• Home
  • E chi va
  • IL SOGNO CALIFORNIANO DI PAOLO E ELISABETTA: CHEF E SOMMELIER

IL SOGNO CALIFORNIANO DI PAOLO E ELISABETTA: CHEF E SOMMELIER

232

Paolo Cressi, classe 1981, è nato a Sarnico, ma ha sempre vissuto a Paratico, passando l’infanzia tra i ristoranti del padre e dello zio e la casa della nonna, a Fosio, a pochi passi dalla diga. Nel 2000, però, non ancora ventenne, arriva la svolta: «Ho passato un anno a Orlando, in Florida, come cameriere al ristorante Alfredo, proprio dentro l’Epcot Center di Disney World. Lì ho scoperto la mia passione per gli Stati Uniti: avevo in progetto di tornarci dopo pochi mesi, ma dopo il disastro delle Torri Gemelle è cambiato tutto».

Al rientro, comunque, non gli va così male, visto che inizia a lavorare in un negozio di Rodengo Saiano e qui conosce Elisabetta: i due si sposeranno nel 2007 e, insieme, si lanceranno nel mondo del commercio e nell’imprenditoria. «Nel frattempo io frequentavo un corso per sommelier, mentre lei si specializzava sempre più come chef di cucina alternativa e di nuova generazione, con particolare attenzione alla cucina gluten free e a basso contenuto glicemico».

Ma ad un certo punto le vecchie passioni tornano a farsi sentire. «L’azienda andava bene e questa base solida, unita alla voglia di cambiare, ci ha dato la spinta a realizzare il sogno di trasferirci negli States, dove riteniamo che le prospettive siano migliori. Per noi e per i nostri due figli, di 9 e 12 anni». Ed è così che tutta la famiglia si trasferisce a Long Beach, circa 20 chilometri a sud di Los Angeles, in California: «Che, tra parentesi, è uno dei poli tennistici più importanti al mondo: aspetto importante, visto che il tennis è la grande passione che condivido con mio figlio Sebastiano. E quì c’è una migliore organizzazione, che permette di conciliare al meglio carriera scolastica e sport». Insomma: sole, mare e tennis. 

Ascoltando Paolo, però, emerge comunque l’idea di un cambiamento non certo facile, che lui stesso definisce drastico. «E con il quale ancora oggi facciamo i conti: io ora mi occupo di import di vini e collaboro come sommelier con alcuni ristoranti italiani, mentre Elisabetta fa da consulente chef e marketing manager per altri: il sogno, però, è di aprirne uno tutto nostro». Viene quindi spontaneo chiedersi se non ci sia mai stato un momento in cui si siano pentiti della scelta o come vedano il nostro Paese da fuori. «La vita qui è dura e credo di poter dire che qui si lavora il doppio rispetto all’Italia. Ma, per il momento, la felicità dei nostri figli e le opportunità tengono acceso l’entusiasmo. Sono tre anni che non vediamo le nostre famiglie e gli amici, ma per quanto riguarda l’Italia, leggendo i giornali la sensazione è sempre quella di un Paese allo sbando. Qui, invece, c’è una incredibile capacità di guardare al futuro: non a caso la California è la patria dei colossi tecnologici mondiali».

Leggi anche:

Articoli simili

«Ho iniziato a fare teatro perché da ragazzo non rimorchiavo. Ma è così anche adesso». Non pot

Primo Formenti Palazzolo

Le sue opere sono conservate in collezioni permanenti in tutto il mondo, mentre il suo nome riecheg

Là, dove le calme acque del lago d’Iseo lasciano spazio a quelle del fiume Oglio, ha messo radici

Rispondi