Da Cuba: Andier, chef danzante con l’arte d’Oriente

419

All’ombra della Torre del Popolo vive e lavora un giovane cuoco di origini cubane che con il suo impegno vuole provare a portare la passione del suo popolo nel mondo del sushi e della cucina giapponese. Il suo nome è Andier Espinosa e da due anni è lo chef dello Yugen Lounge Restaurant, rinomato ristorante giapponese a due passi dal Castello di Palazzolo.

A 17 anni – dopo un’infanzia passata tra le città di Cinfuegos e Sancti Spiritus, dove vivevano sua padre e sua madre – Andier decide di lasciare la splendida isola caraibica per cercare fortuna in Europa. «Sono partito appena prima di dover iniziare il servizio militare obbligatorio che a Cuba dura addirittura tre anni – racconta il 27enne –. Frequentavo la scuola per diventare insegnante, ma vivevo una situazione difficile essendo cresciuto in una famiglia molto povera. Da sempre sognavo di seguire la mia strada e andare alla scoperta del mondo ed è quello che ho fatto».
Come prima meta europea il giovane cubano sceglie la Corsica, isola in cui nel frattempo si era trasferito il padre, e lì inizia ad apprendere l’arte del sushi in un ristorante in cui aveva iniziato a lavorare come lavapiatti. «Lo chef capo, vedendo la mia grande intraprendenza e voglia di imparare, mi propose di sostituire una ragazza che era andata via e da quel momento ho iniziato a preparare sushi». Negli anni successivi Andier cresce in abilità ed esperienza fino ad aprire un suo ristorante in franchigia insieme a un cuoco giapponese molto conosciuto in Corsica. Nel 2015, dopo una breve parentesi di lavoro a Roses, sulla costa catalana, il giovane cuoco si trasferisce alle Isole Canarie per riunirsi con la sua famiglia. «Mia mamma era finalmente riuscita ad uscire dal Paese: erano sette anni che non la vedevo e mi mancava veramente tanto. Quindi decisi di trasferirmi lì per stare con lei».

In Italia il giovane caraibico ci arriva nel 2017 e mettendo piede a Palazzolo ha trova subito quello che stava cercando. «Qui mi è piaciuto fin dal primo giorno perché un ambiente molto stimolante – confessa Andier –. I ragazzi del ristorante sono molto disponibili e seri: più che uno staff sembra una famiglia in cui ognuno si prende cura dell’altro. Palazzolo è una città molto tranquilla e mi piace molto: mi trovo bene, c’è un qualcosa di speciale che mi fa rimanere qua e credo che ci rimarrò ancora a lungo, anche perché non ho più voglia di ripartire da capo un’altra volta».
Del resto, un’altra grande passione di Andier è quella per i balli latino-americani, che lo porta a fare da animatore in diversi locali della zona per sfogarsi e divertirsi dopo una lunga giornata di lavoro e per condividere con gli altri il lato più gioioso e ritmato della cultura cubana. «Noi cubani siamo nati ballando, la musica e il ballo sono proprie della nostra cultura e le nostre radici non si possono mai dimenticare. Tante volte quando vuoi integrarti in un Paese straniero tendi a nascondere le tue origini e le tue tradizioni: invece, grazie al ballo io sono riuscito a farle uscire con grande forza». La stessa forza e dedizione Andier è riuscito a metterle anche nella vita e nel lavoro, cercando di innovarsi in continuazione e mettendo in gioco tutto il suo coraggio e la sua immaginazione.

Leggi anche:

Articoli simili

Da più di vent'anni sono un punto di riferimento per chiunque nella Valle dell'Oglio ami la musica

Era il 1991 quando un giovane sacerdote di Moletta di Borgo San Giacomo – che dal 1982 al 1987 er

«Il suo sogno era quello di fissare gli attimi delle emozioni nelle sue opere – ha spiegato la v

Rispondi