Devozione e protezione dopo la peste: così è nata la Cappella di San Rocco a Mura

349

Ovunque esistono testimonianze architettoniche delle pestilenze che hanno flagellato il nostro territorio durante i secoli: piccoli oratori, affreschi votivi dedicati ai Santi Rocco, Sebastiano e Defendente, santelle disperse nella campagna. Anche Palazzolo conserva dei monumenti a ricordo di queste epidemie: la chiesa di San Rocco a Riva e – piccolo gioiellino della città – la Cappella omonima annessa alla chiesa di San Giovanni Evangelista, accanto al Torrione di Mura.

La piccola cappelletta è ben più recente della chiesa di San Giovanni, costruita nella parte più alta della contrada e almeno inizialmente separata dalla Pieve di Palazzolo. Infatti, la Cappella di San Rocco venne costruita dopo il 1485, in seguito a una terribile pestilenza. Aperta su tre lati, venne completamente affrescata e munita di un piccolo altare trasportabile in legno, come testimonia la presenza di una piccola nicchia usata o come sede per la cassetta delle offerte o come piccolo lavatoio per il sacerdote. Seguendo le indicazioni di San Carlo Borromeo, nel XVIII secolo l’arco a sesto acuto che apriva la cappella venne chiuso e successivamente l’ambiente venne trasformato in una piccola sagrestia.

In seguito la Cappella è stata restaurata ed è tornata al suo antico splendore, anche grazie alla riapertura dell’arco di ingresso, mostrando così i suoi bellissimi affreschi a testimonianza del gusto che imperversava lungo il corso dell’Oglio verso la fine del XV secolo. Infatti, gli affreschi (commissionati da alcuni cittadini di Mura) hanno scopo votivo: non a caso non ci sono narrazioni sulla vita del titolare della cappella, ma – come testimonia la decorazione della parete orientale – si tratta di Sacre Conversazioni con la Vergine e il Bambino sulle ginocchia seduta sul trono, accompagnata da una serie di Santi. Nello specifico, la critica ritiene che il ciclo della parete orientale fosse il più importante e qui si ritrovano i Santi cui si faceva riferimento: San Rocco e San Sebastiano, a cui si accompagnano anche i Santi Cristoforo e Gerolamo.

San Rocco

Niente si sa degli autori di questa serie di decorazioni: come spesso accadeva, è probabile la presenza di una bottega di pittori. L’artista più esperto, il capomastro, affrescava le parti più importanti del ciclo, mentre i suoi allievi erano destinati alle parti di minor rilievo.
Nel caso della cappella di San Rocco, il capomastro si occupò della parete orientale e – benché non si sappia niente di lui – si comprende che era aggiornato sulle innovazioni linguistiche non solo del suo territorio, ma anche di quello della vicina Bergamo. Infatti, oltre alle influenze dei fratelli Bonifacio, Benedetto e Andrea Bembo, attivi a Brescia nella seconda metà del Quattrocento, e di Giovanni Pietro da Cemmo, attivo anche in provincia di Cremona a cavallo fra il XV e il XVI secolo, egli conosceva anche il linguaggio del cosiddetto Maestro di Martinengo, pittore attivo nella cittadina bergamasca nella seconda metà del Quattrocento, aggiornato sulla pittura lombarda e sul gusto rinascimentale di Andrea Mantegna.

Leggi anche:

Articoli simili

Jester Society, palazzolo sull'oglio

La band palazzolese ha in parte girato il video della canzone anche al Rockers Pub Si sono uniti

Giacinto Ubaldo Lanfranchi era un imprenditore tutt’altro che banale. Era un amante dell’arte, d

Simpatia, affetto, momenti di gioco, per non parlare della proverbiale fedeltà. Tutti noi concordi

Rispondi