• Home
  • Storie D'Oglio
  • Dante Alighieri nel Castello di Paratico: storia o leggenda? L’indagine di Amerigo Lantieri

Dante Alighieri nel Castello di Paratico: storia o leggenda? L’indagine di Amerigo Lantieri

979

Nel mezzo del cammin tra Capriolo e Paratico… potrebbe essere l’incipit per un capitolo inedito dedicato all’esilio di Dante Alighieri attraverso le nostre zone. Una tesi suggestiva a cui il Colonnello Amerigo Lantieri de Paratico ha dedicato una considerevole ricerca storica, avvalendosi sia di manoscritti redatti da alcuni antenati, sia di testi di studiosi bresciani. E nella serata di lunedì 25 marzo ha illustrato in biblioteca i risultati raccolti.

Amerigo Lantieri Paratico
Amerigo Lantieri

«Il primo a scriverne pare sia stato Giovanni Maria Mazzucchelli, un precursore della storia della letteratura italiana, nella seconda metà del Settecento – ha spiegato Lantieri – All’interno della storia della famiglia Paratico si accenna a quel “famoso poeta Dante Adigerio fiorentino” che pare alloggiò nel castello». Altri studiosi, talvolta non così competenti, si sono cimentati sull’argomento, su carta stampata e nel web, ma purtroppo senza dare grossi aiuti a Lantieri: «Ho dovuto constatare che molti scritti erano approssimativi e grossolani».

Tuttavia, una sferzata imprevista alla ricerca l’ha data un saggio del fiorentino Giuseppe Pelli Bencivenni, il quale si appoggia alla testimonianza del Boccaccio secondo cui il sommo poeta trovò rifugio presso la famiglia Paratico. Possibile che scrittori di casa Lantieri e storici del bresciano avessero ignorato una testimonianza simile? Un dubbio che ha spinto il Colonnello a ulteriori verifiche.

«Consultando più edizioni del Trattatello in laude di Dante, ho appurato che Giovanni Boccaccio menziona Brescia solo per dire che Dante cercò di convincere il Conte Arrigo di Luzinburgo (meglio noto come imperatore Enrico VII di Lussemburgo, Ndr) a conquistare pure Firenze, oltre a Brescia, nella speranza di ritornarvi. Ad ogni modo, non ci sono indicazioni su dove si trovasse in quel periodo».

Deluso per questo vicolo cieco risalente a un paio di anni fa, Lantieri avrebbe abbandonato l’impresa se non fosse stato per l’intervento provvidenziale della cugina Carolina di Levetzow Lantieri, ultimo ramo della dinastia situato a Gorizia. «Mi disse che vicino alla torre del Palazzo Lantieri di Gorizia hanno degli affreschi del 1535 dedicati all’imperatore Carlo V e in uno di questi è raffigurato il Castello di Paratico, con tanto di lago d’Iseo, e Dante in procinto di entrare». Seppur lontano da una pittura realista, tale indizio sarebbe in linea con la tradizione di famiglia secondo la quale il capostipite di Gorizia Antonio Lantieri, d’animo ghibellino, partì da Paratico e giunse in terra friulana nel 1450. Senza contare i manoscritti in italiano e latino del notaio Branchinus de Paratico, altro prezioso supporto per la ricerca: «Non solo egli avrebbe dedicato un paio di sonetti al poeta esule, ma si sarebbe recato a Ravenna per visitarne la tomba».

Amerigo Lantieri Paratico affresco Dante verso il castello di Paratico (Palazzo di Gorizia)
L’affresco al Palazzolo Lantieri (Gorizia) che raffigura Dante in entrata al Castello di Paratico

Inoltre, nel De vulgari eloquentia  – scritto a Verona tra il 1303 e 1305  – Dante riporta alcuni esempi di dialetto bresciano e bergamasco: ragionevole pensare dunque che li abbia ascoltati e imparati in loco. «Nonostante la mancanza di indicazioni geografiche precise e il silenzio della famiglia siano certamente indizi a sfavore  – ha concluso Lantieri – ce sono vari di significativi a favore. Azzardo a dire che Dante potrebbe aver soggiornato nel castello cogliendo l’occasione per studiare un’area di raccordo linguistico come Paratico. Ma mi guardo bene dal darlo per certo. Mi auguro che in futuro qualche studioso, possibilmente non di parte, torni su questo tema con maggiori competenze per confermare o confutare le mie ipotesi».

Leggi anche:

Articoli simili

Niki Cadei Sarnico Paratico

Niki Cadei è nato a Sarnico nel 1977 ed è da poco tornato a vivere a Paratico. Un tragitto breve?

Una biblioteca con un nuovo meraviglioso giardino a metà tra l’italiano e il nipponico e soprattu

«Avevo 10 anni quando ho visto per la prima volta l’Italia dal traghetto. Ho detto “Wow”: mi

Rispondi