• Home
  • Enogastronomia
  • Osteria della Villetta: la miglior trattoria d’Italia 2019 è un luogo magico, dove il tempo si è fermato

Osteria della Villetta: la miglior trattoria d’Italia 2019 è un luogo magico, dove il tempo si è fermato

2.914K

Sapevate che il ristorante preferito del Maestro Gualtiero Marchesi si trova a Palazzolo sull’Oglio. No? Ve lo raccontiamo noi!

A Palazzolo vi è un luogo speciale capace di narrare una storia profonda e antica, che affonda le proprie radici a oltre un secolo fa e che si protrae sino ai giorni nostri, con atmosfere e suggestioni tipiche di quell’epoca, seppur perfettamente coerenti col contesto attuale. Un luogo speciale, riconosciuto da molti come una delle Osterie migliori d’Italia e che in particolare l’ultima edizione della Guida de L’Espresso ai Ristoranti d’Italia sancisce come Trattoria dell’Anno per il 2019. Titolo che va oltre la singola opinione e che non fa altro che accrescere il già ricco borsino di Guide Cartacee su cui questa storica Osteria – tra cappelli, forchette e chiocciole – figura con i massimi punteggi ormai da diversi anni.

OLTRE CENT’ANNI DI STORIA
Bisogna dunque recarsi a Palazzolo per scorgere un monumento della ristorazione italiana le cui mura risalgono esattamente al 1900, anno in cui Giacomo e Margherita Rossi costruirono l’Osteria della Villetta con Alloggio: una suggestiva palazzina in stile liberty, sorta strategicamente a fianco della fermata della linea ferroviaria che da Milano risaliva sino a Venezia. Uno scorcio di storia rimasto intatto per oltre un secolo e che la famiglia Rossi, succedendosi nella gestione, ha saputo mantenere inalterato e custodire con impegno e amore.
Dal 1989 la gestione è curata con passione dalla quarta generazione della famiglia Rossi, Maurizio e Grazia che – replicando con sapienza gli aspetti più genuini di un mestiere antico e meritevole di essere conservato – ricevono i propri ospiti in un’atmosfera irripetibile, in cui accoglienza e sorrisi accompagnano l’esperienza per tutto il suo corso.  

Già, esperienza. Perché è esattamente questo che ci si deve aspettare, varcando la soglia dell’Osteria della Villetta: una vera e propria esperienza che rapisce e che proietta il commensale in una dimensione remota, in cui storia, arte e passione si mescolano armonicamente ai profumi provenienti dalle cucine, in cui vengono riproposte le ricette di famiglia e della tradizione del luogo. Ricette capaci di conquistare una clientela desiderosa di tornare ripetutamente a casa e che ha saputo incantare palati esigenti e prestigiosi come quello dello Chef pluriblasonato Alain Ducasse (l’unico al mondo ad aver collezionato ben ventuno Stelle Michelin contemporaneamente durante la gestione dei suoi numerosi ristoranti) e dell’indimenticato Maestro Gualtiero Marchesi che – quando gli domandarono in un’intervista al Gambero Rosso quale fosse il suo ristorante preferito – rivelò senza esitazione: «In Franciacorta mi piace rilassarmi all’Osteria della Villetta, dove trovo i miei piatti. Quelli con cui sono cresciuto e che amavo preparare io stesso».

Ma quali sono questi piatti, tanto speciali capaci da conquistare i due massimi rappresentanti dell’Alta Cucina europea? Sono principalmente le ricette della memoria, tramandate di generazione in generazione e che oggi la cucina – coordinata sapientemente da Grazia – prepara secondo la disponibilità offerta dal vicino orto di Adro (l’orto del Terzo Paradiso), dai piccoli proprietari locali e dall’impiego delle eccellenze Slow Food, di cui anche la Villetta è degno rappresentante (figurando tra i Cuochi dell’Alleanza).
Ammennicoli, interiora, piatti della cucina povera, ortaggi, pesce di lago: preparazioni in cui l’aspetto etico ha un ruolo fondamentale. Ricette apparentemente semplici, per la cui esecuzione occorre però dedizione e un atteggiamento umile e spontaneo: è per questa ragione che i collaboratori di cucina vengono scelti tra appassionati e non tra i professionisti già formati, al fine da riuscire a trasferire senza forzature esterne i sapori, il pensiero e gli insegnamenti di una tradizione radicata.

GUSTI DEL PASSATO, SEMPRE ATTUALI
Varrebbe la pena mettersi in viaggio anche solo per gustare la magnifica lingua tagliata sottile e servita con una delicata salsa verde, esaltante all’assaggio e capace di imprimersi nella memoria di ognuno. Ottimo anche il vitello tonnato, cucinato a regola secondo la tradizione piemontese (evidente il coinvolgimento di Slow Food) e capace di ingolosire, sino a imporre una doverosa scarpetta a chiusura.
I primi invocano un piacere opulento e rievocano alla memoria i pranzi della domenica: golosa la lasagna con ragù di vitello e fonduta al parmigiano, e oltremodo godereccia la trippa che – trattata a regola d’arte e servita in una delle sue più classiche versioni – dà del filo da torcere alle altre proposte della carta. Interessanti i contrasti idiosincratici della vellutata di zucca e dei fegatini, e gradevole all’assaggio l’orzotto con verdure di stagione.



Standing ovation sui secondi. Imperdibile il Piatto dell’Osteria, un tris in cui compaiono la leggendaria polpetta (piatto preferito di Maurizio e ricordo proustiano della cucina materna), l’involtino di verza e il guanciale con una leggerissima salsa verde: talmente morbido e burroso da rendere inutile l’impiego del coltello. Da provare anche il Manzo all’Olio (ricetta presente nel libro di Slow Food) con polenta autoctona, che con la sua salsa saporita e perfettamente bilanciata merita assaggio e scarpetta.
Buoni anche i dolci, rigorosamente home-made, tra cui spicca il neo-nato Love Difference, un gelato alla crema e dolcificato con halva al pistacchio che, tra note aromatiche e leggermente tostate, si ispira al progetto di Michelangelo Pistoletto: artista universalmente riconosciuto le cui opere sono state esposte al Louvre di Parigi o al Tate di Londra e che, nel 2003, ha presentato alla Biennale di Venezia il progetto Amo le Differenze. Un progetto di integrazione e di unione che sposa con convinzione gli ideali positivi di Maurizio e Grazia, i quali mai dimenticano il mondo in cui vivono.

Insomma, una cucina familiare in cui la presenza dello chef risulterebbe superflua e di ostacolo a ritmi e armonie che vengono a crearsi con la sala, diretta con disinvoltura e calore da Maurizio. Un oste moderno che si muove tra i tre ambienti – in cui spicca quello principale, dominato da un tavolo sociale in cui le persone possono accomodarsi per condividere un momento caratteristico, interagendo e relazionandosi. Il menù scritto a gesso sulla lavagna all’ingresso e le pareti costellate da opere di artisti passati alla Villetta – come il già citato Pistoletto o altri contemporanei del calibro di Agostino Bonalumi, Mimmo Rotella o Enzo Cucchi – testimoniano la passione di Maurizio e Grazia per le arti figurative e il desiderio di questa famiglia di trasformare il ristorante in un luogo in cui le sensibilità coesistono armonicamente e raccontano della bellezza di un progetto che il tempo non potrà mai scalfire.

«BUONI, PULITI E GIUSTI»
La filosofia di Carlo Petrini non si ritrova solo nei piatti dell’Osteria della Villetta. Dall’orto del Terzo Paradiso alle numerose iniziative filantropiche e sociali ideate e portate avanti da Maurizio e Grazia Rossi, sono tante le attività dedicate alla promozione sociale e all’incontro tra culture che Palazzolo ha visto avverarsi anche grazie all’impegno di questa famiglia: la quale da sempre sceglie di interpretare la propria professione anche come impegno nei confronti del prossimo.

E il 2019 sarà un anno importante per Maurizio e Grazia Rossi: non solo spegneranno trenta candeline dall’anno in cui ricevettero il testimone per la conduzione della Villetta, ma taglieranno lo stesso traguardo del loro matrimonio. E il futuro cosa riserva?
Quando domandiamo a Maurizio quali progetti abbiano in serbo per le prossime generazioni di Rossi, lui ci risponde: «Attualmente, mio figlio sta studiando all’UNISG, l’Università di scienze gastronomiche voluta da Carlo Petrini, dove desidero che approfondisca la cultura e la conoscenza della materia. Poi, mi piacerebbe girasse il più possibile. Per quanto mi riguarda, credo continuerò a lavorare sino a ottant’anni, come mia mamma!» (RIDE).

Stefania Buscaglia
www.mangiaredadio.it

Photo credits © Giacomo Ciccarelli; Ivano Saporito

Leggi anche:

Articoli simili

Cauanna Ferreira Gaudio

Dal Brasile a Palazzolo per realizzare il sogno di lavorare con i richiedenti asilo. La storia c

Primo Formenti Palazzolo

Le sue opere sono conservate in collezioni permanenti in tutto il mondo, mentre il suo nome riecheg

Cecilia Ghidotti Palazzolo

Scrivere un libro per raccontare in prima persona le gioie e i dolori di una giovane donna italiana