• Home
  • Storie D'Oglio
  • Matteo spicca il volo: a 22 anni il pontogliese è uno dei più giovani piloti europei

Matteo spicca il volo: a 22 anni il pontogliese è uno dei più giovani piloti europei

4.555K

Dalla pre-iscrizione al corso di pasticceria fino al lavoro come giovanissimo pilota di linea per voli europei. È questa l’incredibile storia di Matteo Orlandi, pontogliese classe 1996, il quale da poco prima dell’estate è stato assunto dalla compagnia rumena Blue Air e vive a Bucarest: principale hub della società che opera moltissimo verso l’Italia, specialmente su Torino, Linate, Fiumicino e Alghero.

Orlandi è uno dei più giovani piloti d’Europa (col grado di primo ufficiale). La sua parabola ascendente, tutta senza neanche un intoppo, lo ha portato a 14 anni all’Istituto Aeronautico Locatelli di Bergamo, poi al diploma e – dopo circa tre anni di corsi per ottenere le abilitazioni al volo per il trasporto di passeggeri – a un lavoro stabile che per molti è un sogno. Oppure, per qualcuno, addirittura una pazzia. «Sono onesto: la mia passione per il volo è nata mentre frequentavo la scuola superiore – ha spiegato il giovane -. Io volevo fare il pasticcere, ma poi, alla fine dell’estate che precedeva l’iscrizione alle superiori, ho visto l’annuncio della scuola aeronautica e ci sono andato. All’epoca non avevo mai volato nemmeno come passeggero! Con gli anni è nato un amore straordinario e ora, dopo la gavetta e le certificazioni necessarie per lavorare, mi sono inserito in questo bellissimo mondo».

Il 22enne ha effettuato il suo primo volo – una prova senza passeggeri, da Bucarest a Craiova – il 9 maggio di quest’anno, dopo tre settimane di simulatore. Infine, a giugno, ha pilotato per la prima volta un volo con passeggeri. «Sono partito da Bucarest e atterrato a Oslo – ha continuato Matteo -. È stata un’emozione indescrivibile che conserverò sempre nella mia mente: quell’atterraggio in Norvegia e la sensazione che la mia vita stava svoltando. Poi negli ultimi mesi ho volato moltissimo: oltre cento voli, tutti tranquilli e senza alcun problema. Non voglio trasmettere l’idea che sia una cosa facile, però: ci vuole tantissimo studio, impegno, e soprattutto non si finisce mai di imparare».

E da bravo pilota, Matteo ha un messaggio anche per chi di volare non ne vuole proprio sapere. «L’aereo è il mezzo di trasporto più sicuro del mondo. Lo dicono le statistiche e non solo. Se sei un pilota, poi, non solo non hai paura di volare perché è il tuo lavoro, ma proprio perché sai come funziona: non puoi che essere d’accordo con chi ne afferma la superiore sicurezza rispetto a altri mezzi – ha concluso Orlandi -. Certo, anche noi percepiamo che molti passeggeri non solo a loro agio sull’aereo, ma è davvero solo una questione di non conoscenza di come viene controllato».

Leggi anche:

Articoli simili

Il Castello Pontoglio

Mettete in una casseruola un Comune attento alle esigenze dei più piccoli, una scuola aperta a nuo

«Faccio il lavoro più bello del mondo!». In quanti desidererebbero il privilegio di asserire una

LA PRODUZIONE MADE IN BRESCIA SULLE RIVE DELL'OGLIO CON CENTOMILA BULBI Accostando la riva sinis

Rispondi