• Home
  • Intervista
  • Ovidio Pedrali, la scrittura come rinascita dopo l’incidente

Ovidio Pedrali, la scrittura come rinascita dopo l’incidente

5.35K

Parto volando, torno planando. Questa è la frase – che è anche il titolo del suo primo, intenso libro – tanto ermetica quanto densa di significato, con la quale il 57enne pontogliese Ovidio Pedrali ha voluto raccontare in un’opera autobiografica i suoi difficilissimi ultimi anni. Cominciati con un terribile incidente e proseguiti con una lunga riabilitazione che solo oggi, a distanza di quasi tre anni, lo vede in fase di miglioramento.

Ma partiamo dall’inizio. Proprio da quel maledetto 9 dicembre del 2015, quando Ovidio – perito chimico dipendente di un’azienda di Chiuduno – prende la sua moto per tornare a casa, dove lo aspettano a cena la moglie e il figlio. Pochi minuti dopo si trova a terra con le ambulanze a soccorrerlo. La sua situazione è gravissima.

«Ricordo quei momenti: io a terra con i soccorritori a farmi domande e a controllarmi – spiega Ovidio -. Per un momento sono stato anche cosciente, ho sentito al telefono mia moglie, ma poi il nulla. I ricordi successivi sono di diversi giorni dopo, quando mi sono risvegliato dal coma in un letto dell’ospedale di Bergamo. Ricordo il sollievo di mia moglie Lisi che mi parlava e poi mi chiedeva se mi rendessi conto di ciò che era successo. La lesione al midollo spinale che ho subito è stata terribile e mi sento come un miracolato: sarei dovuto rimanere senza l’uso delle gambe e invece con la tenacia durante la riabilitazione e anche un po’ di fortuna ora riesco a deambulare, pur sempre con l’aiuto di appositi strumenti».

Il periodo più difficile è stato probabilmente quello passato nella clinica di Mozzo (Bergamo): nove lunghi mesi per riprendere a vivere, tra speranze e convinzione di non poter mollare. «Ho dovuto accettare questa nuova situazione partendo dalla consapevolezza di avere resettato la mia esistenza – continua il pontogliese -. Ho dovuto cambiare prospettiva in tutto ciò che facevo prima. Non posso più lavorare, ma posso continuare a vivere per chi mi vuole bene, a leggere i miei amati classici, ad ascoltare buona musica, a spiegare alle persone quanto sia importante non gettare al vento nemmeno un minuto della nostra permanenza sulla Terra. È come se mi fosse stata data una seconda chance: devo onorarla per me stesso, ma soprattutto per la mia famiglia».

Ad un certo punto, le esigenze terapeutiche si sono sovrapposte con le necessità emotive e ha trovato una perfetta conciliazione. «Durante la riabilitazione ho cominciato a esercitarmi per riprendere l’uso delle mani e delle dita, che sono ancora un problema per me – dice Ovidio -. Dato che il miglior modo per farlo era quello di scrivere, ho cominciato a mettere su carta le mie impressioni, quasi come fossero flussi di coscienza, esperienze sensoriali visive o mentali che avevo fatto dall’incidente in poi». In questo modo è nato il libro Parto volando, torno planando, pubblicato in primavera dalla casa editrice Albatros e presentato negli scorsi mesi anche in tv a Roma per Sky e a Torino per il Salone del Libro. Il volume è anche disponibile sulle maggiori rivendite online di libri, ma la tenacia del pontogliese non lo ha fatto certo fermare qua: un secondo volume è in fase di preparazione e verrà pubblicato relativamente presto, ovvero l’anno prossimo. Del resto, come cita Ovidio nel suo libro – riprendendo il suo amato David Bowie, fonte di ispirazione – we can be heroes just for one day.

Leggi anche:

Articoli simili

Nella Valle dell’Oglio continuano a nascere progetti di housing sociale, ovvero case con spazi in

Ciascun paese ha le proprie particolari tradizioni, tramandate nel tempo per non perdere l'animo di

«Faccio il lavoro più bello del mondo!». In quanti desidererebbero il privilegio di asserire una

Rispondi