A Paratico si omaggia De Andrè e la cultura prende il volo

2.827K

Una biblioteca con un nuovo meraviglioso giardino a metà tra l’italiano e il nipponico e soprattutto la nuova piazza comunale, intitolata ad una figura fondamentale della musica e della cultura italiana del Novecento.

È stata una giornata particolare e molto apprezzata quella dello scorso 22 luglio, quando centinaia di paraticesi hanno voluto prendere parte alla doppia inaugurazione di piazza De Andrè e del nuovo giardino della biblioteca: un momento che rimarrà scritto nella storia del paese lacustre sia per la manifestazione dedicata al centro culturale, sia per la dedica della piazza al cantautore genovese.

Le note e le parole di De Andrè hanno riecheggiato durante tutto il pomeriggio, mentre si celebrava anche la conclusione del consueto Simposio di Scultura, che ha portato una decina di artisti a cimentarsi proprio con la trasposizione artistica delle canzoni di Faber.

Grazie al progetto di due architetti bresciani, all’esterno della biblioteca è stato inaugurato un giardino di circa duemila metri quadrati, la cui realizzazione è stata possibile in seguito all’acquisto e alla demolizione dell’ex edificio del Municipio, la cui sede ora è appunto collocata stabilmente nella piazza intitolata a De Andrè.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’area verde – che comprende anche elementi architettonici del palazzo originale (le mura perimetrali) e nuovi arredi naturali (piante locali, ghiaie colorate e massi in arenaria) – è stata chiamata giardino zen proprio per i richiami ai giardini giapponesi, con un percorso studiato appositamente per i più piccoli. Parte integrante della biblioteca, il giardino è stato messo in comunicazione con la stessa tramite un ponte in ferro che collega metaforicamente i due «luoghi dell’anima». Completa l’area una scultura dedicata a Emily Dickinson, a cui è intitolata la biblioteca stessa, che ricorda la passione della poetessa per la botanica.

Lo stesso giorno, all’inaugurazione del parco è seguita quella della piazza: i paraticesi si sono spostati di pochi metri fino a raggiungere la nuova piazza De Andrè, un luogo da un lato certamente più funzionale alle esigenze amministrative (data la vicinanza del palazzo comunale) e dall’altro capace di unire la cultura contemporanea e la casa di tutti i cittadini. «…e come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno come le rose»: questa l’iscrizione sulla targa, perfetta chiosa ad un’iniziativa che ha affascinato molti.

Leggi anche:

Articoli simili

Simone Zanotti

«Quando un amico ci ha prospettato la possibilità di fare un'esperienza all'estero, la nostra att

Il primo libro di Arianna Bettoni di Paratico, pubblicato da Temperino Rosso «Non mi ero nemmen

Un ponte naturale tra il lago ed il fiume: così il Parco dei Tassodi di Paratico presto svelerà i

Rispondi