• Home
  • Dai Territori
  • A Chiari nasce un’area camper per incentivare la partecipazione ed il turismo

A Chiari nasce un’area camper per incentivare la partecipazione ed il turismo

333

Buone notizie per chi è appassionato di viaggi sulle quattro ruote. Infatti, la città di Chiari a ottobre ha inaugurato un’area camper: dotata di pozzetto per il carico e lo scarico di acqua e reflui a disposizione del mondo dei camperisti e dei viaggiatori, si trova nel parcheggio tra via Sandella e via Cimitero.

Questa nuova area attrezzata è composta da una zona parcheggio – atta a ospitare dai sei agli otto camper – dove è possibile usufruire del carico dell’acqua e scarico dei reflui: un servizio necessario a chi viaggia in camper e che era difficile trovare nel territorio circostante: ora si può usare questo pozzetto (la zona esatta è colorata in verde) e chi vorrà potrà inoltre sostare nell’area per un massimo di 48 ore. Un servizio utile non solo per la realtà di Chiari – dove si stima che il numero dei camper veleggi tra le 80 e le 100 unità e dove ci sono ben due associazioni di camperisti – ma anche per chi vorrà visitare il territorio. Infatti, avere a disposizione una zona di sosta con accesso all’acqua rappresenta di certo anche un incentivo per il turismo, perché in questo modo si potranno promuovere le visite e lo soste, in particolare durante i momenti di grande richiamo, o per i numerosi fine settimana ricchi di appuntamento ricreativi, anche grazie alla posizione strategica di Chiari sotto il profilo viabilistico e territoriale.
Si potrà usufruire dell’area camper – luogo di scarico di reflui per i camperisti, pulito, ordinato e facilmente accessibile – gratuitamente fino alla fine del 2018: con l’arrivo del 2019, in cambio dell’uso della zona di sosta e soprattutto del servizio di carico e scarico, sarà richiesto un contributo calmierato, la cui somma servirà per la necessaria manutenzione dell’area e del pozzetto stesso.

Leggi anche:

Articoli simili

Torna anche quest’anno a Chiari il festival Chiarissima, la rassegna che per la nona edizione port

«Chiamarla piccola editoria non mi piaceva », probabilmente per quella connotazione riduttiva che

Vivere per aiutare gli altri. Potrebbe essere questa, senza troppi giri di parole, una buona sintesi

Rispondi