• Home
  • Storie D'Oglio
  • Lo Sci Club Palosco verso nuove sfide ed esperienze tutte “in bianco”

Lo Sci Club Palosco verso nuove sfide ed esperienze tutte “in bianco”

460

Con i suoi 180 iscritti ed il patrocinio di diversi Comuni della zona, lo Sci Club Palosco è ormai una realtà ben nota nei diversi paesi della Valle dell’Oglio.

A spiegare da dove arriva questo sodalizio sportivo ci pensa Giovanni Previtali, classe 1974 di Palosco, uno dei quattro soci fondatori: «L’idea è nata come una scommessa, presentata anche nel programma elettorale di una lista civica. L’esigenza era quella di creare aggregazione anche durante i mesi invernali attraverso un passatempo sportivo che in paese mancava. Ci è sembrato un buon punto di partenza e siamo andati avanti, anche grazie all’aiuto burocratico dello Sci Club di Cividino».

Era il 2006 e l’idea evidentemente non deve essere piaciuta solo a loro, dato il successo dell’iniziativa e grazie anche al supporto del sito internet attivo fin da subito. Oggi, dodici anni dopo, il nuovo obiettivo è quello di superare quota 200 iscritti.

Del resto, molti altri riconoscimenti certificano la crescita dello Sci Club nel tempo. Tra questi, l’affiliazione al CSI (Centro Sportivo Italiano) e la collaborazione con le scuole di Calcinate, Palosco e Mornico. Ma non solo. «Negli ultimi anni è nata anche la collaborazione con la Scuola Nazionale Monte Pora che ci ha permesso di portare avanti l’idea di una sciata nella nostra provincia: significa partenza la domenica mattina, tre ore nette di sci senza fare troppi chilometri e tutti a casa per l’orario di pranzo. È una proposta che piace molto, perché si concilia con le esigenze di chi ha famiglia, o altre necessità ed è soprattutto utile per far capire alle persone che si può benissimo sciare anche nelle nostre valli, senza dover andare per forza in Trentino o Valle d’Aosta». Insomma, un vero e proprio fiore all’occhiello tra le proposte del club.

Non a caso, proprio la presenza dei nuclei familiari è un punto forte dello sci club, visto che una percentuale altissima di tesserati ha un’età compresa tra i 6 ed i 14 anni: «Ovviamente ci riempie d’orgoglio, anche perché la presenza dei bambini genera buonumore e fa sì che si aggreghino anche molti non sciatori. E il gruppo poi resiste anche durante i mesi più caldi, visto che talvolta cerchiamo di organizzare gite, come quella sul Bernina o al Lago di Tenno».

Insomma, una passione per gli sci dalla quale col passare del tempo è nato un vero e proprio laboratorio, con possibilità di noleggiare e riparare l’attrezzatura, e che ormai è diventato un punto di riferimento e raccolta informazioni per gli amanti della neve dei paesi limitrofi. Anche per via di tutti questi rapporti personali non è facile per i membri del club scegliere il ricordo più bello di questi primi dodici anni: «Se proprio devo scegliere – conclude Giovanni – scelgo la giornata di Canazei: pranzo allegro al rifugio e poi tutti, sciatori e non, che scendono a valle con lo slittino. Un bellissimo momento, che speriamo sia seguito da tanti altri».
Per chiunque fosse interessato, il programma per la stagione sciistica 2018/19 sarà presentato alla consueta serata a base di spiedo – ormai una ricorrenza fissa – che quest’anno si terrà sabato 1 dicembre.

Leggi anche:

Articoli simili

Damiano Airoldi, campione basket carrozzina palosco, palosco

«Nebbia, tamponamento a catena mal segnalato: la moto va da una parte io dall’altra. Sbatto contr

C’è un rombo che l’1 settembre 1991 risuona in tutta piazza Castello, durante la prima presenta

«Un’espansione repentina, il diventare un’impresa strutturata, mi hanno fatto capire che mi ma

Rispondi