Auto d’epoca e fotografia, un connubio florido per Palazzolo

517

Un turbine di emozioni tra suoni di motori, scatti fotografici e silenziosi ricordi. Il rombo nel cuore – questo il titolo dato alla mostra delle migliori istantanee realizzate durante le recenti edizioni dei più importanti trofei motoristici palazzolesi – è stato il mese scorso un appuntamento di celebrazione e, allo stesso tempo, di omaggio a chi ha reso queste manifestazioni un punto di riferimento per la Valle dell’Oglio. L’esposizione, realizzata in Fondazione Cicogna Rampana, è stata un’occasione imperdibile per tutti gli appassionati di motori della zona e in particolare di coloro che hanno condiviso importanti esperienze con tre pilastri rimasti nel cuore e scomparsi negli ultimi anni: Tullio Bordogna, Bruno Ambrosetti e Luigi Gino Faini, che ci ha lasciati lo scorso febbraio.

Organizzata dal Movimento Cooperativo Palazzolese, Scuderia Kronos, Auto Moto San Fedele e dal Circolo Fotografico Palazzolese, la manifestazione è stata dedicata alle auto e alle moto d’epoca partecipanti alla quattordicesima edizione della Targa di Palazzolo Trofeo Bordogna e all’ottava edizione del Trofeo Bruno Ambrosetti Grand Prix del Fiume Oglio. Alle pareti del Salone Bordogna i numerosi convenuti hanno potuto ammirare scatti d’autore realizzati dai fotografi che ruotano attorno al Circolo palazzolese e, al termine, presenziare alla premiazione delle migliori immagini tratte dalle due manifestazioni motoristiche: i primi premi sono andati al capriolese Gianluca Vareschi e al palazzolese Sergio Magnifico, mentre sul secondo gradino si è seduto per ben due volte Francesco Bertarelli.

Vincenzo Gaspari e Gianluigi Brescianini della Cooperativa, il sindaco Gabriele Zanni, Alberto Bordogna di Kronos e Luigi Pedrali del circolo fotografico hanno ricordato come questi ultimi anni, pur costellati da pesanti perdite umane, siano stati fondamentali per la crescita e lo sviluppo di un movimento che ha pochi pari nelle province di Brescia e Bergamo. Tra i maggiori traguardi raggiunti vi è sicuramente la sinergia tra realtà apparentemente afferenti ad ambiti diversi, ma che hanno saputo trovarsi e cominciare una proficua e stimolante attività di collaborazione.

Leggi anche:

Articoli simili

Il portamento elegante, unitamente alla sicurezza di chi ha familiarità con il foyer del Covent Gar

«Faccio il lavoro più bello del mondo!». In quanti desidererebbero il privilegio di asserire una

Castello di Padernello

«Questo matrimonio non s’ha da fare, né domani, né mai». Tutti ricorderanno queste parole del

Rispondi