Marta Salogni, una capriolese star del mixaggio in Inghilterra

2.132K

È partita otto anni fa da Capriolo con una valigia piena di speranze e voglia di fare e ora è diventata uno dei più promettenti e apprezzati ingegneri del suono d’Inghilterra. La storia della giovanissima Marta Salogni è la dimostrazione del fatto che mettersi in gioco anima e cuore per le proprie passioni fa spalancare porte che non si pensava di poter aprire.

La capriolese (classe 1990) nel corso della sua carriera londinese – come ingegnere di registrazione prima e di mixaggio poi – ha avuto il piacere di lavorare con artisti di fama mondiale del calibro di Björk, M.I.A., White Lies e The XX ed è anche stata recentemente premiata come Ingegnere emergente ai MPG Awards: una sorta di Oscar dell’industria musicale britannica.

L’attrazione di Marta per la musica e per il suono, esplosa definitivamente all’ombra del Big Ben, nasce però dagli ambienti underground di Brescia. «Quando frequentavo il liceo sono entrata in contatto con Radio Onda d’Urto e con il centro sociale Magazzino 47 – racconta – e qui ho conosciuto il mitico Carlo Dall’Asta». Un fonico esperto che ha subito iniziato ad affiancare dietro al mixer come assistente fonica durante i concerti. «A me allora interessava la questione tecnica dei live – spiega romanticamente Marta -. Ero affascinata dal fatto di poter modificare l’impatto sonoro dello show a seconda di come gestisci volumi e equalizzazioni: era come controllare qualcosa di astratto come il suono che, però, ha ripercussioni oggettive sul pubblico che lo ascolta. Mi sembrava quasi di suonare rimanendo, però, dall’altra parte del palco».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quando sbarca nella metropoli britannica, il panorama professionale della giovane capriolese cambia totalmente. «Ho dovuto partire dal basso, studiando e guadagnandomi la fiducia di produttori, band e ingegneri più esperti – spiega orgogliosa – All’inizio cercavo di capire come essere utile in studio e poi, passo dopo passo, a come registrare e mixare al meglio i suoni di una canzone, o di un album».

Senza mai, però, dimenticare casa. Infatti, Marta sostiene che il Tamigi, per quanto grande possa essere, non regge il confronto con il suo amato fiume Oglio e che sotto sotto si sente ancora molto più capriolese che londinese. «Mi mancano molto le relazioni genuine tra persone che si possono creare nella piazza di un piccolo paese – spiega – Qui invece la gente sta per conto suo, è difficile fare affidamento sulle persone perchè sono troppo concentrate ad avere successo sul lavoro».

In tutto ciò, la passione e l’impegno di Marta in difesa dei diritti civili delle donne e delle minoranze non si sono persi una volta arrivata a Londra, ma si sono evoluti trovando nuove valvole di sfogo. «Cerco sempre e in ogni modo di far riflettere su questo tipo di lotte all’interno del mio lavoro, proteggendo e privilegiando le minoranze più bistrattate – ribadisce con forza -. La scena musicale londinese è quasi totalmente bianca, soprattutto dietro le quinte, e nel mio ambito le donne sono solamente il 3%. Ma fortunatamente questo dato è venuto alla luce e le cose stanno pian piano cambiando».

Leggi anche:

Articoli simili

I riflettori si sono spenti da tempo sulle zone del Centro Italia colpite dal sisma del 2016. I medi

Valorizzare il territorio sotto tutti i punti di vista, da quello storico-culturale fino a quello en

«Cantami o Diva»? No stavolta niente poemi, ma un’esperienza epica comunque. Dal 2 all’11 magg

Rispondi